“Nuovo” gozzo SAN GIACOMO

1 SAN GIACOMO

A luglio dello scorso anno è stato varato il gozzo “SAN GIACOMO”, nuova fatica di “QUELLI DELLA VELA LATINA”. La foto in alto mostra le condizioni della barca all’inizio dei lavori di ristrutturazione. La foto in basso mostra l’opera già a buon punto

PENTAX Image
N.2 Il gozzo in ristrutturazione

e i “ragazzi” ne mostrano, orgogliosi, i risultati. Qui manca il loro “capitano”, colui che con caparbia passione e immutata volontà, fra picchi di entusiasmo e scoraggiamento, a seconda delle difficoltà, continua l’opera iniziata una dozzina di anni fa con il gozzo Sant’Alberto: Stefano Molinari. I volti sono cambiati, non sono più quelli del Sant’Alberto, ad eccezione di Stefano. Sono volti giovani e questo è una cosa molto importante: suscitare il loro interesse è  compito primario della Lega Navale Italiana. Nessuno di loro è un maestro d’ascia: il loro impegno, la loro passione, la disponibilità, l’entusiasmo, una buona dose di buon senso e un “tantino” di manualità sostituscono la conoscenza del mestiere.

PENTAX Image
N.3- Il San Giacomo è pronto per prendere il mare

Ora, come si vede dalla foto (3), il gozzo è pronto per navigare armato con vela latina: dev’essere dotato, prima di tutto, di un albero, dell’antenna e di un bompresso. Cercheremo di seguire l’evolversi del lavoro con fotografie e brevi interviste agli “addetti ai lavori”.

Secondo calcoli approssimativi suggeriti da “esperti”, in considerazione della lunghezza della barca e e del suo baglio massimo, ma soprattutto sulla base dell’esperienza maturata con la ristrutturazione del Sant’Alberto, si decide l’altezza dell’albero: quattro metri e venticinque centimetri. Il diametro sarà di circa nove centimetri e mezzo.

Listener Due tavole di abete bianco di cinque cm di spessore, 10 cm di larghezza e lunghezza adeguata alla necessità, vengono incollate insieme e morsettate, come si vede nella foto. Diventeranno l’albero.

IMG-20160207-WA0002

Comincia a prendere forma il bompresso:

WP_20160206_004

Il disegno  alla base dell’albero mostra come si intende procedere: il parallelepipedo a base  quadrata diventerà prima a base ottagonale e solo dopo un cilindro, cioè l’albero. Tutta la lavorazione sarà manuale. Intanto è visibile, sulla foto, la “gola” già scavata  dove sarà inserito un bozzello.

IMG-20160304-WA0002

Il lavoro procede bene: la volontà e

l’impegno non mancano.

IMG-20160304-WA0003

IMG-20160304-WA0001                                                                   Il fine di tutti è quello di riuscire a partecipare a qualche regata del 2016 con il “nuovo” San Giacomo.  AUGURI!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...